sabato 23 agosto 2014

Il male quale che sia ha per 99 parti origine da voi stessi Dice Gesù (Evangelo Valtorta)

«Voi uomini, che riconquistate la salute dopo malattia di morte (Is 38,5.7.15-19), non pensate, quando ci pensate, che a ringraziarmi per la ricuperata sanità fisica. Non riflettete mai che quella prova Io ve l’ho data per farvi riflettere che una fine vi attende oltre la quale vi è un inizio, così come il sole calando a sera segna, in fondo, che ha inizio il ciclo per cui verrà una nuova aurora. Ma la vostra aurora nell’al di là non è inizio a giorno di poche ore. È inizio a un giorno eterno. SU QUESTO VUOLE FARVI RIFLETTERE LA MALATTIA E A QUESTO FINE DOVRESTE RIVOLGERE LA RICUPERATA SALUTE. A PROVVEDERE A DARE A CIÒ CHE NON MUORE UN GIORNO DI PACE. Se sapeste riflettere a questo, quante prede perderebbe l’inferno! Ma di solito fate mal uso della salute che vi concedo e degli anni che aggiungo alla vostra esistenza per questo scopo. style="color: blue;"NELLA MALATTIA VI IMPAZIENTITE, VI SCONFORTATE, CESSATE MOLTE VOLTE DI PREGARE DICENDO: “È INUTILE CHE LO FACCIA. TANTO È STATO DIO A MANDARMELA, E A CHE PRO GLI CHIEDO DI TOGLIERMELA?” Guariti, non avete un pensiero per Colui che la sanità vi ha reso. Con la vostra incongruenza e con la vostra ingratitudine irrispettosa fate a Dio colpa di mandarvi le malattie, ma non gli fate merito di levarvele.
SE PENSATE CHE EGLI DÀ IL MALE, PERCHÉ NON PENSATE CHE DEVE POTERE DARE IL BENE? È ANZI IL CONTRARIO, FIGLI. IL MALE, QUALE CHE SIA, HA PER 99 PARTI ORIGINE DA VOI STESSI E IL BENE HA UN’UNICA FONTE: DIO. Dio che ispira e illumina chi vi cura, Dio che vi allunga le giornate per dare tempo ai medicamenti di agire e aumenta le resistenze per dare al corpo la possibilità di reagire, Dio che con volontà istantanea vi può far sorgere risanati, contro ogni speranza e fuori da ogni altro aiuto, per un suo imperscrutabile motivo. Ma prima di giubilare per la gioia d’esser guariti, dovreste giubilare per la possibilità che Dio vi concede di riparare agli errori antecedenti alla malattia e lavorare per meritare la vita che non muore. IO OPERO PER LIBERARE L’ANIMA VOSTRA DALLA PERDIZIONE E COL MIO AMORE CANCELLO I VOSTRI PECCATI SEMPRE SPERANDO IN VOI. VOI... CHE FATE VOI? RENDETE AMORE PER L’AMORE CHE RICEVETE E DIVENITE “VIVI”. Esser “vivi” non vuol dire esser di questo mondo: vuol dire essere nel Signore. Vuol dire possedere la Grazia e avere diritto al Cielo. Vivo non è chi respira, mangia e dorme con l’anima morta: costui è spoglia già putrefacente prossima a cadere, come fico infracidito sul ramo, nella fossa il cui fondo è l’inferno. Vivo è chi, anche se agonizzante nella carne, possiede la “Vita”, ed anzi a misura che cessa di qua la vitalità si approssima e cresce in lui la “Vita vera”. Vivo è colui che, mentre spira, già arpeggia le lodi che canterà eterne al Signore e, mentre le tenebre scendono sulle sue pupille, vede sempre più nitido, con gli occhi dello spirito, il volto del Padre. Vivo è colui che risanato da malattia umana si sente riscatto del suo Signore e a Lui dedica ogni suo moto. Vivo è chi conosce la Verità e sopra tutte le gioie umane e le umane ricchezze vuole questa Gioia e questa Ricchezza: la Verità. E per tutti i suoi giorni si dedica a possederla, perché la conoscenza di essa ha messo in lui la sete santa di conquistarla.» Valtorta - quaderni - 21 novembre 1943

0 commenti :

Posta un commento

I commenti sono tutti tracciati tramite indirizzo univoco IP, anche se postati come "Anonimo".
Ogni abuso, volgarità, minaccia, offese, ricatti, linguaggio volgare, sarà segnalato alle Autorità competenti tramite tracciamento IP di provenienza del commento stesso.

 
Copyright © . Nel nome di Jesus - Articoli · Commenti
Code & Graphics: F. Hoefer · Powered by Blogger
La nostra pagina su Translate English German French Arabic Chinese Simplified