martedì 8 marzo 2016

I sette Dolori e Gioie di San Giuseppe


La grande promessa :

Fra Giovanni da Fano (1469-1539) descrisse un’apparizione di San Giuseppe a due giovani frati, dalla quale nacque nella Chiesa la devozione dei “Sette dolori e gioie di San Giuseppe”, indulgenziata da grandi Pontefici quali Pio VII, Gregorio XVI e Pio IX.

Ecco quanto egli riferì: “Mi narrò un frate minore dell’Osservanza, degno di fede, che, es-sendo due frati del detto Ordine in una nave che andava in Fiandra, con circa trecento persone,


ebbe per otto giorni grandissima tempesta.
Uno di quei frati era predicatore e devotissimo di San Giuseppe, al quale con tutto il cuore si raccomandava.
La nave si sommerse con tutti quegli uomini e il frate, con il suo compagno, si trovarono nel mare sopra una tavola, sempre raccomandandosi con grandissima fede a San Giuseppe.
Il terzo giorno apparve in mezzo alla tavola un bellissimo giovane che, con la faccia allegra, salutandoli, disse: "Dio vi aiuta, non dubitate!".
Detto questo, tutti e tre con la tavola si trovarono a terra.
Allora i frati, inginocchiati, con molta devozione ringraziarono il giovane, poi il predicatore disse: "O nobilissimo giovane, Vi prego per amor di Dio che mi diciate chi Voi siete!".
E Lui rispose: "Io sono San Giuseppe, degnissimo Sposo della beatissima Madre di Dio, al quale tanto vi siete raccomandati. E per questo, dal benignissimo Signore sono stato mandato a liberarvi. E sappiate che se questo non era, voi sareste annegati insieme con gli altri. Ho im-petrato dalla divina clemenza infinita che qualunque persona dirà ogni giorno, tutto un anno, sette Padre Nostro e sette Ave Maria a riverenza dei sette dolori che io ebbi nel mondo ottenga da Dio ogni grazia, purché sia giusta” (ossia conveniente, conforme al proprio bene spiri-tuale).


SETTE DOLORI E GIOIE DI SAN GIUSEPPE
Da recitarsi tutti i giorni, per un anno intero, per ottenere grazie

1. Sposo purissimo di Maria Santissima,
grandi furono le angosce del tuo cuore,
agitato dal timore
di dover abbandonare la tua amatissima Sposa,
perché divenuta Madre di Dio;
ma ineffabile fu anche la gioia che provasti,
quando l’Angelo ti rivelò il grande mistero dell’Incarnazione.
Per questo tuo dolore e per questa tua gioia,
ti preghiamo di soccorrerci ora
con la grazia di una buona vita
e, un giorno, con il conforto di una santa morte,
somigliante alla tua, accanto a Ge
sù e a Maria.Padre Nostro, Ave Maria, Gloria.

2. Felicissimo Patriarca,
che fosti elevato all’eccelsa dignità
di Padre verginale del Verbo incarnato,
il dolore che provasti nel veder nascere il Bambino Gesù
in tanta povertà ed indifferenza della gente
si cambiò subito in gioia,
all’udire il canto degli Angeli
e all’assistere all’omaggio
reso al Bambino dai pastori e dai Magi.
Per questo tuo dolore e per questa tua gioia,
ti supplichiamo d’ottenerci
che, dopo il cammino di questa vita terrena,
possiamo godere eternamente
degli splendori della gloria celeste.
Padre Nostro, Ave Maria, Gloria.

3. Glorioso San Giuseppe,
il Sangue che il Bambino Gesù
sparse nella Circoncisione
ti trafisse il Cuore,
ma ti consolò il tuo compito di Padre
d’imporre al Bambino il nome di Gesù.
Per questo tuo dolore e per questa tua gioia
ottienici che, purificati da ogni peccato,
possiamo vivere col nome di Gesù
sulle labbra e nel cuore.
Padre Nostro, Ave Maria, Gloria.

4. Fedelissimo San Giuseppe,
che fosti partecipe dei misteri della Redenzione,
se la profezia di Simeone
su ciò che Gesù e Maria avrebbero dovuto patire
trafisse anche il tuo Cuore,
ti consolò però la certezza
che molte anime si sarebbero salvate
per la Passione e Morte di Gesù.
Per questo tuo dolore e per questa tua gioia,
ottienici che anche noi
possiamo essere nel numero degli eletti.
Padre Nostro, Ave Maria, Gloria.

5. Sollecito Custode del Figlio di Dio,
quanto soffristi nel dover portare in salvo
dal re Erode il Figlio dell’Altissimo!
Ma quanto gioisti, avendo sempre con te il tuo Dio,
insieme a Maria, tua amatissima Sposa!
Per questo tuo dolore e per questa tua gioia,
impetraci che, allontanando da noi
ogni occasione di peccato,
possiamo vivere santamente,
nel servizio del Signore e per il bene del prossimo.
Padre Nostro, Ave Maria, Gloria.

6. Angelo protettore della Santa Famiglia,
che ai tuoi cenni ammirasti soggetto il Re del Cielo,
se la tua gioia nel ricondurla dall’Egitto
si turbò per timore di Archelao,
avvertito dall’Angelo,
con Gesù e Maria dimorasti a Nazareth
in piena letizia fino alla fine della tua vita terrena.
Per questo tuo dolore e per questa tua gioia,
ottienici che, liberati da ogni ansia,
possiamo vivere serenamente
e giungere un giorno ad una santa morte,
assistiti da Gesù e Maria.
Padre Nostro, Ave Maria, Gloria.

7. Giuseppe santissimo,
tu che smarristi senza tua colpa il fanciullo Gesù,
con ansia e dolore lo cercasti per tre giorni,
finché con somma gioia
lo ritrovasti nel Tempio fra i dottori.
Per questo tuo dolore e per questa tua gioia,
ti supplichiamo che non ci avvenga mai di perdere Gesù
a causa dei nostri peccati;
ma, se per disgrazia lo perdessimo,
ottienici di ricercarlo prontamente,
per goderlo in Cielo, dove in eterno
canteremo con Te e la divina Madre
la sua divina Misericordia.
Padre Nostro, Ave Maria, Gloria.




0 commenti :

Posta un commento

I commenti sono tutti tracciati tramite indirizzo univoco IP, anche se postati come "Anonimo".
Ogni abuso, volgarità, minaccia, offese, ricatti, linguaggio volgare, sarà segnalato alle Autorità competenti tramite tracciamento IP di provenienza del commento stesso.

 
Copyright © . Nel nome di Jesus - Articoli · Commenti
Code & Graphics: F. Hoefer · Powered by Blogger
La nostra pagina su Translate English German French Arabic Chinese Simplified